Codice etico.

RUN Raising Unified Network.

Approvato dal consiglio d’amministrazione il 19 gennaio 2015

Premessa.

In conformità alle disposizioni contenute nel Decreto legislativo 231/2001, la RUN SpA ha deliberato di adottare nelle proprie procedure aziendali il presente Codice etico.

Il Codice etico esprime l’impegno e la responsabilità alle quali la RUN SpA (di seguito definita „la Società“) si ispira nello svolgimento delle proprie attività interne ed esterne.

Le norme riportate nel Codice etico vigono – senza alcuna eccezione – per tutti i componenti del Consiglio d’amministrazione e del Consiglio di sorveglianza, i dipendenti, i collaboratori esterni della Società e, in generale, per tutti coloro che direttamente o indirettamente, in forma permanente o temporanea, instaurano dei rapporti con la Società o si adoperano per realizzarne gli obiettivi (di seguito definiti „gli interessati“).

Il Codice etico.

La Società ritiene opportuno adottare un Codice etico per stabilire i principi e i valori cui tutti gli interessati devono ispirarsi, e per indicare loro le rispettive responsabilità, le regole di comportamento da rispettare e gli obiettivi da perseguire. La Società è dell’avviso che agire in piena conformità ai principi contenuti in questo Codice etico, come pure nel rispetto delle leggi e delle norme vigenti, sia essenziale per il successo dell’attività aziendale.

Il Codice etico è adottato dal Consiglio d’amministrazione. È un compito precipuo del Consiglio d’amministrazione e della Direzione aziendale verificare che il Codice sia applicato correttamente, garantendone l’aggiornamento periodico in modo che sia sempre conforme alle norme giuridiche vigenti e funzionale alle varie esigenze che sorgono nei vari ambiti operativi della Società.

Il Codice etico è applicato dall’Organo di vigilanza (OdV), che opera in base a un apposito regolamento.

Regole generali di comportamento

La Società agisce in conformità alle leggi e alle disposizioni vigenti nel paese in cui opera, e nel rispetto nei principi stabiliti dal Codice etico. Pertanto, gli interessati sono tenuti, nell’ambito delle rispettive competenze, a conoscere e rispettare le leggi e le disposizioni in vigore nel paese in cui opera la Società.

La Società promuove fra tutti gli interessati la diffusione del Codice etico e delle procedure interne. Gli interessati - in particolare le persone che rivestono funzioni dirigenziali nella Società – sono quindi tenuti a conoscerne il contenuto, a rispettarne i principi e le regole, e a contribuire alla sua attuazione concreta.

Per gli impiegati e i dirigenti della Società, il rispetto dei principi etici costituisce un obbligo contrattuale fondamentale derivante dalle disposizioni contenute negli artt. 2114, 2115 e 2116 del Codice Civile.

A tal fine, gli interessati che vengono a conoscenza di violazioni o tentate violazioni sono tenuti a informarne i propri preposti o coloro che rispondono del rispetto del Codice etico.

Risorse umane

La Società considera i propri dipendenti una risorsa indispensabile per operare con professionalità, avere successo ed essere competitiva sul mercato.

In questo senso, l’onestà, la correttezza, l’integrità, la trasparenza e il rispetto reciproco nello svolgimento di attività interne ed esterne sono fattori di interesse primario per la Società.

Il rispetto di tali valori e dei principi del Codice etico in generale va sempre dimostrato da parte della Società nei confronti degli interessati, e deve costituire parte integrante ed essenziale dei contratti di lavoro stipulati. Nella gestione del personale la Società concede pari opportunità a tutti i propri dipendenti, con l’obiettivo di promuovere la crescita professionale di ogni individuo, rispettando al tempo stesso il Codice etico e le norme del diritto del lavoro a difesa dei lavoratori. In qualsiasi momento, gli interessati posso chiedere ai propri preposti o a coloro che rispondono del rispetto del Codice etico di spiegare loro contenuti, procedure interne o funzioni dello stesso.

All’atto dell’assunzione di un dipendente, si verifica se le sue capacità sono conformi alle mansioni previste. Inoltre, nell’assunzione dei dipendenti la Società agisce nel rispetto del regolamento approvato dal Consiglio

Rapporti coi clienti

I rapporti coi clienti vanno consolidati migliorando costantemente l’efficienza e la qualità del servizio. I clienti, inoltre, vanno informati sui servizi proposti in modo tempestivo, esatto e veritiero.

Nei rapporti coi clienti ci si ispira ai seguenti principi: 

  • cortesia
  • parità di trattamento
  • imparzialità.

Concretamente, ciò significa:

  • definire correttamente le condizioni contrattuali (costi e tariffe)
  • attenersi scrupolosamente alle condizioni contrattuali
  • rispondere con gentilezza, rapidità e tempestività
  • agire con la massima correttezza nella gestione dei dati sensibili
  • operare con professionalità.

Rapporti coi fornitori

I rapporti coi fornitori vanno gestiti in modo corretto, professionale, efficiente, serio e affidabile. I fornitori si scelgono con imparzialità e in base a criteri oggettivi come la qualità, il prezzo, la professionalità e l’etica. La Società esige dai propri fornitori di erogare i propri servizi in base ai principi dell’equità, correttezza, accuratezza, credibilità e rispetto.

A sua volta, la RUN SpA garantisce ai propri fornitori una collaborazione leale secondo le buone usanze commerciali, e pagamenti in base alle condizioni contrattuali.

Rapporti con gli azionisti

La Società opera nell’interesse dei propri azionisti e su incarico degli stessi e di terzi.

Inoltre, la RUN SpA garantisce ai soci informazioni corrette e la massima trasparenza.

Rapporti con le istituzioni pubbliche e con terzi

Nello spirito delle funzioni della Società, non si devono intraprendere azioni (dirette o indirette) che possono ledere l’integrità o la reputazione della Società e dei soggetti che collaborano con lei, come ad esempio allacciare rapporti per ottenere benefici personali, o diffondere informazioni riservate. La società fa esplicito divieto a tutti coloro che lavorano nel suo interesse di accettare denaro, omaggi, beni o servizi, o di proporre o promettere favori non dovuti a funzionari, titolari di cariche pubbliche o dipendenti di pubbliche amministrazioni, finalizzati – anche in modo indiretto – a favorire o promuovere gli interessi della Società. È invece permesso, nel rispetto delle norme e delle leggi in vigore, concedere a clienti omaggi o vantaggi di valore esiguo entro i limiti delle consuetudini, a condizione che ciò non sia finalizzato a ottenere dei vantaggi per la Società.

Sicurezza e salvaguardia ambientale

La società difende e tutela l’ambiente, e applica tale principio sia nella propria attività aziendale, sia nelle proprie decisioni importanti. Inoltre, la Società si prende a cuore la sicurezza e la protezione degli interessati – come dipendenti e clienti – che a loro volta si impegnano a rispettare le procedure previste.

Dati contabili.

La contabilità va tenuta in modo trasparente, preciso, completo e chiaro. A tale scopo, la documentazione delle procedure contabili va compilata e aggiornata in modo completo, chiaro, tempestivo e veritiero, e deve essere sempre disponibile per eventuali controlli.

Chiunque venga a conoscenza di omissioni, falsificazioni, irregolarità o negligenze nella contabilità o in altri documenti, è tenuto a informarne compiutamente il proprio preposto o coloro che rispondono dell’applicazione del Codice etico.

Acquisti e affidamento di servizi.

Le procedure d’acquisto si basano su rapporti e comportamenti precontrattuali e contrattuali, sempre ed esclusivamente nel rispetto dell’onestà, della trasparenza e della collaborazione. La Società stabilisce le regole per gli acquisti e l’affidamento di servizi.

Tutela della concorrenza

La Società riconosce che una concorrenza leale e corretta è un elemento fondamentale per lo sviluppo e per la crescita.

Riservatezza dei dati

Nel rispetto delle disposizioni di legge, delle regole vigenti e delle procedure interne, tutti gli interessati si impegnano a gestire con la massima riservatezza le informazioni di cui vengono a conoscenza nell’ambito della rispettiva attività, e a considerarle parte integrante del patrimonio aziendale.

Conflitti d’interesse

Gli interessati devono evitare a priori di trovarsi in situazioni in cui potrebbero avere interessi personali in contrasto con quelli della Società, o comunque incompatibili con gli impegni assunti nei confronti della stessa. La presenza di conflitti d’interesse viola sia le norme di legge vigenti, sia i principi stabiliti dal Codice etico, mina il rapporto di fiducia reciproco fra i dipendenti e la Società, e nuoce all’immagine di quest’ultima.

Chiunque conosca o noti l’esistenza di conflitti d’interesse è tenuto a informarne tempestivamente il proprio preposto o il responsabile chiamato a vigilare sull’applicazione del Codice etico.

Procedure interne e controlli

La Società promuove strumenti idonei a migliorare l’efficienza e prevede di stilare delle schede operative per documentare le procedure. L’eventuale inosservanza delle procedure interne va comunicata immediatamente al proprio preposto o al responsabile chiamato a vigilare sul rispetto del Codice etico.

Nelle procedure interne vanno rafforzati il principio dei quattro occhi e la divisione dei compiti.

Documentazione informativa per i dipendenti

La Società mette a disposizione di tutti i dipendenti dei documenti in cui sono contenute le informazioni principali sulla struttura della Società e sulle modalità per lo svolgimento corretto dell’attività lavorativa.

Misure disciplinari

Violare i principi previsti dal Codice etico e le indicazioni sulle procedure interne mette a repentaglio il rapporto di fiducia fra gli interessati e la Società, oltre a nuocere all’immagine di quest’ultima.

Pertanto, tali violazioni sono sempre e immediatamente sanzionate dalla Società con misure disciplinari adeguate, a prescindere dalla rilevanza penale dei comportamenti da sanzionare, e indipendentemente dal fatto che sia avviato o meno un procedimento giudiziario.

Applicazione, controllo e modifica del Codice etico

La Società istituisce un Organo di Vigilanza (OdV) incaricato di verificare l’applicazione del presente Codice etico e il relativo modello organizzativo adottato, e di garantire l’idoneità, l’efficienza, la funzionalità e il continuo aggiornamento dello stesso. A tale scopo l’Organo di Vigilanza è chiamato a: promuovere la conoscenza delle disposizioni di legge sensibilizzare i responsabili aiutare la Società ad applicare correttamente le leggi vigenti accertare il grado do rispetto del Codice etico elaborare delle procedure che ne garantiscano l’applicazione concreta individuare eventuali violazioni dei suoi principi riferire al Consiglio d’amministrazione sulla propria attività e proporre eventuali modifiche o integrazioni.

Inosservanza del Codice etico

L’inosservanza grave e ripetuta delle disposizioni contenute nel Codice etico nuoce al rapporto di fiducia con la Società e comporta delle misure disciplinari da applicare in base a un apposito regolamento.

Disposizioni conclusive

Com’è consuetudine della Società, il presente Codice etico è stato approvato dal Consiglio d’amministrazione in data 1 dicembre 2014. Ogni modifica del presente documento è valida solo se approvata dal Consiglio d’amministrazione e comunicata tempestivamente agli interessati.

top