La parola d’ordine è digitalizzazione.

La digitalizzazione ha ormai preso piede nella vita di tutti noi, sia a livello professionale che privato, coinvolgendo qualunque ambito. Il risultato è un’enorme mole di dati che solleva diverse questioni in merito alla loro gestione.

Le grandi aziende lavorano ormai da tempo con sistemi integrati in rete, di cui si occupano interi reparti IT. Grazie alle soluzioni cloud, questa tendenza sta oggi prendendo piede anche nelle imprese di piccole e medie dimensioni, un aspetto impensabile fino a ieri a causa della loro scarsità di risorse. Oggi, invece, molte di queste realtà possono approfittare delle nuove tecnologie, ottimizzando così i cicli di lavoro. Tuttavia, per molti si pone la questione della forma ideale di conversione, non esistendo un’unica strada che porta all’“azienda digitale”, a causa dell’unicità e della diversità di ciascuna di esse. L’esperienza consente però di derivare determinati stadi e fasi della digitalizzazione, sia per imprese nel loro complesso, sia per singoli ambiti quali mobilità, sicurezza o big data.

"Digi Starter"

Nella prima fase troviamo i cosiddetti “digi starter”: queste aziende devono ancora orientarsi, spesso sono scettiche rispetto a tali tematiche e non hanno molta dimestichezza con il settore IT, disponendo solo di telefono cellulare, posta elettronica, scanner e PC. Successivi passi suggeriti: acquistare uno smartphone, realizzare un semplice sito internet, utilizzare applicazioni Office su cloud, eseguire regolarmente il back-up e impiegare un programma CRM (Customer Relationship Management), procurarsi una buona protezione antivirus e, forse l’aspetto più importante, passare alla telefonia IP quale requisito per ulteriori innovazioni digitali.

"Digi Professionals"

Questi soggetti hanno già fatto il loro ingresso nel mondo digitale: spesso affrontano in maniera mirata i singoli temi, ne testano il plusvalore conseguente e, in caso di esito positivo, procedono con quello successivo, adottando un valido approccio step by step. I “professional” sono già passati alla telefonia IP, utilizzano gli applicativi Office 365 da cloud, dove archiviano anche i dati del backup, in parte lavorano in mobilità con i tablet, gestiscono shop online e talvolta possono contare su un sistema CRM mobile e integrato. Le aziende più progredite di questo gruppo dispongono addirittura di un portale sharepoint, seguono una strategia aziendale che coinvolge i social media, utilizzano l’evasione automatica dei contratti nel CRM, puntano in maniera decisa sulle misure di sicurezza e si avvalgono di server virtuali all’interno di data center ad alta disponibilità. In altre parole, sono nel pieno del processo di evoluzione digitale.

Soluzioni su misura.

Noi offriamo alle aziende di ogni dimensione soluzioni su misura, affiancandole con la propria assistenza sia nella fase d’inserimento sia in quella di sviluppo successivo. Qunidi per gestire al meglio il cambiamento, occorrono strategie digitali a lungo termine e idee concrete.

 

 

top